Elcito, il borgo del silenzio

[local inviaggioconmattia]

C’è un borgo nelle Marche che non tutti conoscono, anche chiamato “il borgo del silenzio“, perché talvolta, quando soffia il vento, gli unici suoni che vi si sentono sono quelli della natura. Quasi del tutto disabitato, il luogo in questione è il borgo di Elcito, in provincia di Macerata, nelle Marche.

A differenza dei familiari insediamenti marchigiani, posti su dolci pendii collinari, Elcito sorge su di uno scoglio e dirupato a 820 m di altezza, nel Parco Regionale del San Vicino. Questa ubicazione fa intuire che nel passato questo borgo è stato un castello.

📸Da vedere a Elcito

Elcito è un piccolo gioiellino marchigiano, la cui visita non dura molto tempo (per questo ti consigliamo di inserirlo come meta in un itinerario più ampio). Tuttavia questo luogo permette di fare un salto indietro nel tempo, ideale per fuggire dal caos della città ed immergersi nella vita di una volta. È facile lasciarsi incantare dalla bellezza della natura tutta intorno, che si scorge dietro ogni angolo dei vicoli di Elcito.

Una volta arrivati nella piazzetta centrale si può scorgere la chiesa di San Rocco. Ad attenderti ci saranno piccole case di pietra, unite le une alle altre, rendendo l’idea di contrastare l’abbandono dei vecchi abitanti.

Elcito offre una favorevole visuale sull’altopiano di Canfaito e il Monte San Vicino. Ai piedi di Canfaito si vede un agglomerato di case: è quanto resta della vecchia abbazia di Valfucina, costruita dall’ordine benedettino.

💡Dritte BeLocal a Elcito

Elcito è una meta ideale per chi desidera staccare la spina e immergersi nel passato, ma anche per chi desidera passare un pomeriggio passeggiando tra le bellezze del parco del San Vicino e godersi la natura intorno.

A interrompere la visita sono le foto che vengono scattate ai pochi vecchietti rimasti in questo borgo, dove è possibile scambiare anche piccoli dialoghi e informazioni sul luogo.

La cosa entusiasmante di questo borgo è quando si celebra la festa di San Rocco il 16 agosto; nel mese di giugno, invece, si svolgono le feste medievali patrocinate dall’associazione Palio dei Castelli.

Per gli amanti del trekking, da Elcito inizia un sentiero ad anello che porta fino alla faggeta di Canfaito: il sentiero è lungo circa 12 km con un dislivello di 700m.

🍝Da provare a Elcito

Non si può visitare Elcito senza una sosta al Ristoro il Cantuccio, l’unico ristoro del borgo, gestito da una coppia di ragazzi giovani, un luogo unico dove si respira un’aria di pace e silenzio. Qui potrete assaggiare i piatti tipici della zona (l’immancabile crescia, panini con porchetta, la pizza del lupo…), il tutto accompagnato da alcune bevande artigianali locali.

🏠Dove alloggiare a Elcito

Nel borgo si trovano solamente due strutture ricettive. Una è il B&B Tra Elcito e il Cielo, il cui rifugio, adatto per lunghi e brevi periodi, dispone di un monolocale. Questo offre una visuale sulla vallata mozzafiato e dall’altra parte sulle montagne.

Sempre all’interno del borgo si trova anche il B&B Il nido della cinciallegra. Si tratta di un appartamento dotato di una camera da letto, sala, cucina e bagno.

🚗Come arrivare a Elcito

Elcito dista 45 km da Macerata, 65 km da Ancona e 36 km da Camerino.

Panoramiche strade provinciali collegano Elcito a San Severino, dal quale dista appena 26 km, a Matelica (distante 17 km) e ad Apiro (16 km più a nord).

Chi proviene dalla costa Adriatica, può procedere da Civitanova Marche fino a Tolentino Est con la Strada Statale 77 var, la strada a scorrimento veloce della Val di Chienti, per poi proseguire per San Severino, raggiungendo la valle del Fiume Potenza. Qui, all’altezza dell’Ospedale Civile, inizia la Strada Provinciale 2 che porta ad Elcito.

Rispondi