Triglie alla livornese

[local mimosa_milano]

Le triglie alla livornese sono senza dubbio tra i piatti fondamentali della cucina livornese. Le triglie, presenti anche nel celebre caciucco, sono infatti un po’ il simbolo di questa città legata inscindibilmente al mare.

Il pomodoro è tipico delle ricette “alla livornese”, anche se storicamente non è sempre stato così. Introdotti dalle Americhe grazie agli esploratori spagnoli nel Seicento, erano inizialmente utilizzati solo come piante ornamentali. A Livorno, però, la comunità ebraica proveniente dalla Spagna, che sapeva come cucinarli, ha influenzato i livornesi che hanno adottato poi questo ingrediente, in seguito assai amato.

La ricetta antenata delle triglie alla livornese è per l’appunto di origine ebraica e si chiamava “triglie alla mosaica”.

La ricetta proposta si ispira alla tradizione ma presenta delle modifiche: passata di datterini gialli al posto che rossa e aggiunta di zucchine in fiore data la stagione estiva.

Ingredienti per 4 persone

  • 2 triglie di scoglio da 200g l’una (o 4 da 100g)
  • 300g pomodorini gialli
  • 300g zucchine in fiore
  • 1 costa di sedano
  • Aglio
  • Peperoncino
  • Basilico
  • Vino bianco

Preparazione

  • Pulire e spinare le triglie per ottenere 4/8 filetti.
  • In una padella, far rosolare il sedano tritato con l’aglio e il peperoncino, aggiungere i pomodorini, cuocere per 10n minuti, poi frullare e passare al setaccio fine.
  • Tagliare le zucchine a rondelle e farle saltare in padella con un poco di vino bianco e condirle infine con del basilico fresco.
  • Cuocere le triglie dalla parte della pelle, salare e servire con la salsa di pomodorini gialli, le zucchine e altro basilico fresco.

Consiglio

Scegliete sempre le triglie di scoglio alle triglie di fango, hanno un sapore più gustoso, presentano una carne più tonica e si riconoscono per il colore intenso e il muso affusolato.

Rispondi