Alla scoperta di Clusone, il paese della danza macabra

[local eledovevai]

Avete mai sentito parlare della danza macabra? No, non è una pratica esoterica, ma un affresco che si trova a Clusone! Non è però questa l’unica particolarità del paese: qui si trova anche l’orologio astronomico Fanzago del 1583, tuttora funzionante e caricato giornalmente a mano fin dall’anno di costruzione.

Non bastassero queste bellezze artistiche, Clusone si trova in un verde altopiano, fra Bergamo e il Lago d’Iseo, nel bel mezzo della Val Seriana: è quindi un’ottima base per visitare i dintorni e scoprire le bellezze che noi bergamaschi, schivi e riservati, spesso non pubblicizziamo a dovere.

📸 Da vedere a Clusone

Si nota subito dai suoi bei palazzi e monumenti che Clusone è una città ricca di storia e cultura. Ha vissuto il suo periodo di massimo splendore sotto il dominio della Repubblica di Venezia, ma grazie alla sua posizione ha sempre avuto un ruolo importante nella storia bergamasca.

Per la vostra visita vi consiglio di partire assolutamente da Piazza dell’orologio, dove noterete il Palazzo Comunale, con la sua facciata riccamente affrescata, e la torre dove spicca l’orologio astronomico Fanzago. Rimarrete affascinati da questo prodigio di ingegneria, matematica ed astronomia, che conserva ancora quasi tutti i pezzi originali. Sul quadrante dell’orologio sono indicate 24 ore, anziché le classiche 12 e, se lo osserverete bene, vedrete che le lancette si muoveranno in senso antiorario! A voi il gioco di leggervi il giorno, il mese, le ore di luce e di buio, le fasi lunari, la durata della lunazione e il segno zodiacale. È possibile osservare il meccanismo da vicino tramite visita guidata e magari vi potrete imbatterete nel signor Donadini, colui che giornalmente carica il meccanismo a mano.

Poco lontano si trova l’Oratorio dei Disciplini, sulla cui facciata spicca la Danza Macabra, affresco che rappresenta in stile quattrocentesco la morte, che tutti aspetta e che su tutti trionfa, senza distinzione di ceto. All’interno sono conservati altri affreschi, sempre dello stesso pittore, Giacomo Borlone de Buschis.

Di fronte e in posizione panoramica, affacciata sulla valle, si trova la Basilica di S. Maria Assunta progettata da Giovanni Battista Quadrio, architetto della Fabbrica del Duomo. La basilica conserva, fra le altre opere, diverse sculture della famiglia Fantoni.  In prossimità troviamo il Museo della Basilica e la Chiesa di San Luigi.

Altre chiese degne di nota sono la Chiesa di S. Defendente, edificata in seguito ad un voto durante una pestilenza e che presenta ben 52 affreschi rappresentanti S. Defendente, S. Rocco ed altri santi invocati come protettori, la Chiesa di S. Anna, con un’imponente San Cristoforo sulla facciata, prima facente parte del Convento delle Terziarie Francescane, e la Chiesa del Paradiso, che conserva il miracoloso  affresco quattrocentesco della Madonna Addolorata in una pregevole cornice a drappo di legno dorata dei Fantoni.

Sulla collina del Crosio sorge in posizione panoramica la chiesetta della S.S. Trinità, da cui si gode di un’ottima vista su Clusone, mentre se vorrete spingervi un po’ più lontano troverete prima la Chiesa dei Morti Nuovi (di peste) e, verso Piario, quella dei Morti Vecchi, a ridosso della pineta, dove potrete fare una rilassante passeggiata.

Per gli amanti dei musei, c’è il MAT, “Museo Arte e Tempo”, ospitato nel Palazzo Marinoni Barca, dove nelle sale del seicentesco palazzo troverete una collezione di opere d’arte e rarissimi esemplari di meccanismi di orologi da torre di ogni epoca.

Gironzolando per il bel centro storico noterete che ci sono anche belle ville in stile liberty ed eleganti palazzi, come il Palazzo Fogaccia. È veramente piacevole passeggiare fra bellezze artistiche e, alzando lo sguardo, notare la bellezza delle montagne che vi circondano.

💡Clusone: dritte BeLocal

Visto che Clusone si trova vicino alle montagne, non potete venire qui e non farvi almeno una gita!

Vi suggerisco quindi di salire verso il Rifugio San Lucio (per i più pigri c’è anche la strada carrozzabile), nei cui pressi troverete il roccolo di Giannino Trussardi e le sue meravigliose sculture sparse nel bosco. È entusiasmante cercarle e perdersi nel bosco, per poi scovarne un’altra poco più in là. Sembra di stare in un bosco animato! Portateci i vostri bimbi, ne rimarranno entusiasti!

Da qui si può salire fino al pizzo Formico, che si può tranquillamente scorgere dal paese: vedete quel monte di fronte a voi con una croce sopra? Eccolo, è proprio lui! Da lì si ha una visuale magnifica sull’altopiano e sulle vette più alte, fra cui spicca la regina delle Orobie, la Presolana!

Se camminare in salita non fa per voi, Clusone è circondata da pinete e potrete percorrere dei sentieri più pianeggianti sia a piedi che in bici (sono stati creati percorsi appositi ben segnalati). Al tramonto e all’alba nelle radure potrete avvistare cervi e caprioli.

Vi consiglio di arrivare fino alla Chiesetta di San Rocco, vicino al Groppino a Piario: un bel prato vi attenderà per un picnic ristoratore.

🍝Da provare a Clusone

Bergamo = polenta! Che sia con mais spinato di Gandino, rostrato di Rovetta o taragna, sempre buona è! Accompagnatela con selvaggina oppure con brasato o coniglio, sarà sempre il top!

Come primo dovete assolutamente provare i classici casoncelli oppure gli scarpinocc di Parre.

Il tutto innaffiato con del Valcalepio, naturalmente.

Anche i formaggi qui la fan da padrona. Un detto bergamasco dice: “La bóca l’è mia stràca, se la sènt mia de aca”, ovvero “la bocca non è stanca se non sente di vacca”, quindi per rispettare il detto potreste finire il pasto con un assaggio di formaggi locali, magari accompagnati da miele e marmellate.

Come dolce vi consiglio il biscotto Clusone, ricetta del 1920, perdutasi nel tempo e ora riscoperta e riprodotta dalla Pasticceria Adriano Trussardi.

Sono diversi i ristoranti dove provare i piatti tipici, ad esempio il rifugio San Lucio, dalla cui terrazza si gode una vista meravigliosa sull’altopiano e le montagne.

🏡Dove alloggiare a Clusone

Nel centro storico troverete il B&B del Centro, gestito da due simpatiche e disponibili sorelle che hanno ristrutturato un piano della casa di famiglia ricavando delle graziose ed accoglienti camere. In alternativa, poco fuori dal paese, in direzione San Lucio, troverete l’Agriturismo Larice, gestito dalla famiglia Visinoni, immerso nel verde. In una struttura appartenuta alle suore, magistralmente restaurata, con le camere realizzate dal padre in legno naturale di recupero, l’agriturismo è un luogo dove si percepisce la cura dei dettagli e la passione per la genuinità. Qui potrete anche mangiare con i prodotti dell’azienda agricola di famiglia.

🚗Come arrivare a Clusone

Chi viene da lontano può atterrare all’Aeroporto di Orio al Serio per poi proseguire in auto. C’è naturalmente anche il servizio di autobus che lo raggiunge.

Esiste anche la possibilità di arrivare tramite TEB, il tram che arriva fino ad Albino, per poi proseguire con l’autobus.

Per i più ginnici a Clusone arriva la pista ciclabile della Val Seriana: è quindi possibile raggiungerla sia a piedi o in bici senza dover percorrere strade trafficate.

Rispondi