Vomero: gli angoli nascosti della città di Napoli

[local liidiiaa_]

Una delle zone più eleganti di Napoli, un quartiere residenziale in stile Liberty, ricco di viali alberati dove poter passeggiare piacevolmente, tra numerosi negozi e ristoranti raffinati, vie dello shopping e cafè tipici: queste sono le  numerose caratteristiche che descrivono il quartiere del Vomero.

Il Vomero è uno dei quartieri collinari, dove poter vivere la bellezza insolita di Napoli. Il quartiere, infatti, grazie alla sua posizione posta in alto rispetto alla città, si contraddistingue per le sue viste mozzafiato: proprio da lì si può godere di alcuni panorami straordinari, tanto che oserei definirli come angoli di paradiso. Vi assicuro che varrà la pena visitarlo.

Siete pronti a scoprire i suoi angoli più nascosti?

📸Da vedere al Vomero

Tra i luoghi più turistici e famosi del quartiere vi è senza alcun dubbio il Castel Sant’Elmo,  il quale domina la città di Napoli dal punto più alto della collina del Vomero. È situato nel Largo San Martino, da cui si gode di uno splendido panorama sul centro storico e non solo.

Si tratta di un castello medievale costruito nel 1327, la cui forma molto particolare rappresenta una stella a sei punte. Grazie alla sua posizione, Sant’Elmo divenne una vera e propria torre di controllo per prevenire gli eventuali attacchi da parte dei nemici, soprattutto durante la contesa tra spagnoli e francesi per la conquista del Regno di Napoli. Successivamente, tra il Seicento e il Settecento diventò un carcere e restò tale fino al 1952. Solo negli anni Ottanta del Novecento divenne una struttura di interesse culturale e museale.

Attualmente Castel Sant’Elmo ospita spesso mostre contemporanee, oltre al museo permanente del Novecento. Durante la visita al castello, vi consiglio di non perdere la suggestiva Piazza d’Armi , da cui si gode un’incredibile vista sul golfo di Napoli, sul centro storico e sul lungomare.

Si dice che la bellezza è per tutti e a Napoli lo è per davvero: proprio sul terrazzo di Piazza D’Armi è presente un parapetto per non vedenti su cui è raccontata la veduta in codice Braille, un corrimano posto di fronte al panorama della città, proprio verso lo scorcio migliore. È opera di Paolo Puddu ed è chiamata Follow the shape”, letteralmente “Segui la forma”. L’installazione permanente è stata inaugurata nel 2017 nell’ambito della quinta edizione del concorso “Un’opera per il Castello”. “Vedi Napoli e poi muori”,  così scriveva il grande autore tedesco Goethe, ed oggi tutti hanno la possibilità di guardarla!

L’ingresso alla fortezza prevede un costo molto accessibile (biglietto intero € 5,00, ridotto € 2,50), per cui se la vostra intenzione è quella di fare un salto nel passato per ritrovarvi nel Medioevo e toccare quasi con le vostre mani il cielo napoletano, questo è il posto giusto per voi! Per gli orari, vi consiglio di visitare il sito ufficiale.

Visitando il Vomero non può mancare una rilassante passeggiata lungo la famosa Via Scarlatti, un’ampia strada alberata a traffico limitato che taglia il quartiere e che può essere considerata il cuore del Vomero insieme a Piazza Vanvitelli e a Via Luca Giordano. Questa zona è caratterizzata da numerosi negozi dove poter fare shopping e tra un negozio e l’altro è possibile fare una pausa caffè o godersi di un buon aperitivo in uno dei bar presenti in zona.

I più golosi, invece, troveranno tante gelaterie dove poter gustare ottimi gelati artigianali. Quello che io preferisco è il gelato di Mennella, una gelateria di produzione propria: dalla panna per farcire i gelati al biscotto del cono, tutto ha una sapore unico. Molti sono i gusti, ma quello che trovo fantastico è il gelato alla mandorla… eccezionale!

💡Dritte BeLocal: Vomero

Napoli è una città tutta da scoprire e non smette mai di sorprendere. Se vi piace camminare e allo stesso tempo ammirare dei panorami meravigliosi, dovrete assolutamente scegliere una delle scalinate (io le farei entrambe, in quanto ognuna di loro ha una particolarità diversa) che dal Vomero arrivano al centro storico di Napoli. Allora indossate le scarpette, non dimenticate di prendere la macchina fotografica e… andiamo!

La Pedamentina, con i suoi 414 scalini, è un sistema di discese e gradinate risalente al XIV secolo e realizzato dagli architetti Tino di Campiono e Francesco de Vito. La discesa aveva il compito di congiungere due differenti zone della città di Napoli, la Certosa di San Martino ed il Castel S. Elmo, (collocati sulla collina del quartiere Vomero) al centro storico, posto a valle. Si  tratta di una vera e propria via di collegamento pedonale.

Percorrendo la Pedamentina è possibile ammirare non soltanto il panorama del golfo, ma anche gli orti ed i giardini della Certosa. Oggi è considerata un capolavoro urbanistico ed è patrimonio dell’Unesco.

L’indirizzo è Vico Pedamentina di San Martino 80126, facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici.

Il Petraio  è un’altra scalinata che collega la parte alta e la parte bassa di Napoli, rispettivamente il Vomero e il quartiere di Chiaia. Oggigiorno è una strada residenziale e scendendo, oltre ai bei panorami, possiamo ammirare lo stile Liberty del Novecento.

🍷 Da provare al Vomero

Lo spritz è oggi uno dei cocktail protagonisti dell’aperitivo italiano e tra gli alcolici più amati dagli abitanti della penisola. Sarà per il suo potere dissetante o per il colore arancione che mette allegria? Se anche voi, come me, siete degli amanti di questo cocktail, so qual è il posto che fa per voi!

Al Largo Antigliano, e precisamente alla fine di Via Luca Giordano, si trova Spritzerò , un chioschetto molto carino dove l’arancione prevale su tutto, impossibile non vederlo. Lì c’è spritz per tutti i gusti: con Aperol o Campari, piccolo, medio o grande. Ad accompagnare il tutto delle gustose arachidi. 

🏡Dove alloggiare al Vomero

Se cerchi un alloggio tranquillo e confortevole con una buona posizione per poter visitare l’intera città ,ti consiglio La Casina Blu. La Casina Blu accoglie i suoi ospiti (2/4 ospiti) nella zona residenziale del quartiere Vomero, a 300mt dalla fermata della metropolitana che collega il quartiere al cuore della città. L’appartamento è luminoso e confortevole, dispone di una zona living provvista di divano letto e angolo cottura, uno spazioso bagno con vano lavanderia e una camera da letto. A darti il benvenuto troverai Sara, pronta a darti tutte le informazioni necessarie e i consigli per vivere al meglio l’esperienza napoletana.

🚗Come arrivare al Vomero

Il quartiere è ben collegato con il resto della città, facilmente raggiungibile attraverso la metro, la funicolare o diversi pullman.

Metro linea 1: fermate “Vanvitelli”, “Quattro Giornate”, “Medaglie d’oro”.

Funicolari: funicolare di Montesanto fermata Via Morghen, la più vicina a Castel Sant’Elmo e Certosa di San Martino; funicolare Centrale fermata Piazza Fuga e funicolare di Chiaia fermata Cimarosa, vicine a Piazza Vanvitelli e la Floridiana.

Bus: 635, 130, C36, V1, 128, 132, 181, C31, 532, C13, C33, C38, N3.

Rispondi