Il Chianti: non solo vino

[local sarafiaschi]

Il sole che splende, gli uccellini che cantano e quella brezzolina che ti accarezza il viso: cosa c’è di meglio se non la primavera che arriva? Questo è quello che vi aspetterà nelle strade del Chianti, quando la primavera incombe e i fiori iniziano a sbocciare, dando vita a campi immensi attraverso magnifici giochi di colore.

Il Chianti è da sempre conosciuto come il re dei vini e dei vigneti, ma non offre solo questo. Basti pensare ai secoli di storia dietro a questo nome: le sue distese e colline sono state, ad esempio, rifugio per molti partigiani durante la guerra.

Questa terra ricca di storia è una meta consigliata per chi ha voglia di immergersi nel verde della natura, allo scoperta di piante sconosciute e castelli medievali, ma non solo: in questa località si possono assaporare anche vini tipici a chilometro zero e particolarità culinarie.

Il motto per visitare il Chianti? “Tieniti pronto ad ogni avventura e lasciati trasportare”.

📸 Da vedere nel Chianti

Il cuore del Chianti è compreso tra le province di Siena e Firenze. Un museo a cielo aperto, dove la terra è stata modellata dall’uomo ma con estremo rispetto e dove “le genti”, in secoli di storia, hanno creato opere straordinarie come borghi, strade, pievi e castelli. 

Non importa quale sia la meta o lo scopo che volete raggiungere nel visitare il Chianti: qui vi sono opportunità per tutti, dai più festaioli ai più avventurieri. Quando arrivi nel Chianti, non trovi un vero e proprio ufficio turistico: ogni località ha le sue attrazioni, i suoi luoghi tipici. Il consiglio che sento di darvi è quello di lasciare da parte ogni schema, ogni cartina e di vivere ciò che vi circonda, senza un percorso ben preciso.

Nel Chianti non ci sono solo vigneti e aziende vinicole, anche se sicuramente sono ciò che di più locale e caratteristico vi sia. In questa località potrete ritrovarvi a contatto anche con sentieri in pieno bosco.

Per gli amanti del trekking, vi sono molteplici sentieri pronti a essere esplorati. Uno di essi è il famoso Anello San Polo in Chianti – Poggio alla Croce. Questa camminata prevede la bellezza di 21 chilometri immersi nella natura, con partenza e arrivo a San Polo in Chianti (proprio per questo viene chiamato anello). Attraversa due delle zone tipiche del Chianti : San Polo e Poggio alla Croce. Da San Polo (234 slm) ci portiamo in costante salita a Monte Muro (584 slm) e quindi a Monte Lepri (596 slm). Continuando per strade bianche di bosco e fiancheggiate da rari coltivati, superato San Cerbone (564 slm) arriviamo a Poggio alla Croce (502 slm). Ripresa la stradella verso Poggio la Beccheria (750 slm), punto di massima altezza, attraversiamo Case Linari (451 slm) e quindi chiudiamo l’anello ritrovando San Polo. Un percorso che consiglio a quanti sono abituati a percorsi di un certo impegno dato il continuo saliscendi e la distanza che supera, anche se di poco, i venti chilometri. Ma non è il solo percorso presente: vi sono molti altri sentieri, di facile o media difficoltà.

Se amate esplorare, non potete perdervi i fantastici castelli presenti nel Chianti. Uno dei più conosciuti è il Castello di Verrazzano, che si trova nel comune di Greve in Chianti, su una collina a 348 metri slm. Tale castello è stato da prima un insediamento etrusco e poi romano, mantenendo per più di mille anni la sua struttura originale. Il suo nome è dovuto dalla famiglia che lo prese in possesso, i Verrazzano, da cui nacque poi il famoso Giovanni da Verrazzano. Questo castello, i cui esterni sono bellissimi, ospita ad oggi al suo interno un’azienda agricola che offre molteplici possibilità ai propri visitatori: dal pranzo della domenica con i piatti tipici ad una visita guidata dei vigneti, fino ad arrivare alla degustazione di vini tipici.

Se invece avete voglia di passeggiare tra le vie del Chianti, alla scoperta dei paesini, vi potete sbizzarrire nella scelta. Tra i più conosciuti vi è Castellina in Chianti, dove, oltre ad ammirare la bellissima vista, è possibile farsi fotografare accanto al tipico Gallo del Chianti e degustare un gelato alla Gelateria di Castellina. Tra gli altri paesini citiamo anche Greve in Chianti, Chiocchio e Strada in Chianti

Insomma, questo Chianti ne ha per tutti i gusti e tutte le personalità!

💡Chianti: dritte BeLocal

Se siete amanti dei motori, ma soprattutto delle due ruote, le strade che costeggiano il vasto territorio del Chianti fanno al caso vostro. Le loro curve sapranno avvolgervi e vi faranno provare un’esperienza unica, non solo di viaggio, ma anche di vista.

Per chi visita la zona del Chianti, alcuni eventi sono da considerarsi imperdibili. In inverno consiglio il Mercatino delle cose del passato, che si tiene il giorno di Pasquetta a Greve in Chianti, o la Sagra delle Frattaglie, a Strada in Chianti. In primavera imperdibile è la Festa della stagione bona di Panzano in Chianti, con una processione in abiti storici, commedia medievale e stand gastronomici. Altro evento primaverile di grande richiamo è Cantine aperte, alla scoperta delle cantine e dei vini del Chianti. Infine, in estate consiglio di assistere a Radda 1527, rievocazione storica dell’arrivo di Francesco Ferrucci a Radda in Chianti.

🍝 Da provare nel Chianti

Vi sono molti ristoranti, dispersi nei vari paesini, che vi faranno assaporare i prodotti tipici del Chianti, dal vino ai salumi, dai primi piatti ai secondi. Se avete voglia di un aperitivo con un bicchiere di vino e un tagliere di salumi, sicuramente non posso non citare La dispensa di Andrea e Gregorio, un localino piccolo ma accogliente, i cui proprietari vi faranno sentire a casa da subito. Situato a Strada in Chianti, offre cene a base di vino tipico del Chianti e taglieri di ogni dimensione con salumi e miele.

Se invece apprezzate di più un piatto di pasta o carne, non potete non provare Osteria Le Panzanelle, che si trova nella località Le Panzanelle, in una strada secondaria tra Greve in Chianti e Radda in Chianti. Il locale offre una splendida terrazza dove poter mangiare all’aperto e un menù tipico del Chianti, con i suoi famosi pici all’aglione o la sua bistecca alla fiorentina.

🏠 Dove alloggiare nel Chianti

Il già citato Castello di Verrazzano presenta anche un agriturismo, l’agriturismo La Casanova, foresteria del castello da Verrazzano, ma non è ovviamente l’unico presente in zona.

Se avete voglia di essere accolti da una famiglia non posso non citare l’agriturismo Podere Barberino, situato a Chiocchio, località tra Greve in Chianti e Strada in Chianti, dove troverete Paola e la sua famiglia a darvi il benvenuto.

Quello che consiglio io è di scegliere sempre tra agriturismi che offrono esperienze local, per sentirvi ancora più immersi nel territorio.

🚗 Come arrivare nel Chianti

Sono molteplici le modalità di raggiungimento del Chianti. Se siete amanti dell’adrenalina, vi consiglio di percorrerlo con le due ruote, altrimenti va benissimo l’auto: una volta arrivati nel Chianti potrete lasciarvi trasportare dalle strade alla scoperta dei vari paesini e borghi che le costeggiano.

Rispondi