Laino Borgo, una città tra due fiumi

[local geneanimatorekids_official92]

Laino Borgo è un piccolo centro ricco di storia, cultura e tradizioni, situato al confine tra Calabria e Basilicata, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino.

Il territorio è attraversato dai fiumi Lao e Iannello, che costituiscono una delle risorse fondamentali del paese. In particolare, il fiume Lao, dopo aver toccato l’abitato di Laino Borgo, si immette in un grande canyon profondo circa 200 metri, che permette di vivere grandi emozioni facendo rafting. Innumerevoli grotte e cascate su ambedue le sponde offrono, ai tanti appassionati degli sport fluviali, effetti spettacolari di grande bellezza.

📸 Da vedere a Laino Borgo

Il piccolo borgo, il più piccolo d’Italia, vanta origini antiche, tanto che per via dei numerosi ritrovamenti archeologici molti studiosi lo identificano nell’antica Laos, città fiorente della Magna Grecia, nodo strategico del commercio tra i mari Ionio e Tirreno.

Oltre che le sue bellezze naturali, Laino Borgo offre un ricco patrimonio architettonico e culturale, formato dalle numerose chiese che costellano il territorio, tra le quali il Santuario della Madonna dello Spasimo, detto Santuario delle Cappelle, importante luogo di culto caratterizzato dalla presenza di piccole Cappelline, fedeli riproduzioni dei luoghi Santi di Gerusalemme e meta di numerosi pellegrini. Celebre anche la Chiesa Santo Spirito, la chiesa madre situata in Piazza Navarro, la pizza principale del Borgo.

A Laino Borgo è possibile partecipare a numerose feste ed eventi nel corso dell’anno. Durante il Carnevale delle Valli, ad esempio, Laino Borgo è capofila: si tratta di un evento interregionale organizzato in rete con i paesi limitrofi, con sfilate che precedono l’ultimo giorno di Carnevale. Ogni anno viene poi sorteggiato il borgo nel quale i carri allegorici di tutti i paesi sfileranno la domenica prima di Carnevale.

La “Focarazza” di San Giuseppe, o meglio falò in onore del Santo, si svolge il 18 marzo di ogni anno. In questo giorno vengono allestite tavolate per la degustazione dei prodotti tipici locali (come lagane e ciciri).

Altro evento degno di nota è la Giudaica, una rappresentazione a cadenza biennale che si svolge nel giorno del Venerdì Santo con il processo, la condanna e la crocifissione di Gesù. È una delle più antiche ed interessanti rappresentazioni del teatro popolare itinerante del meridione d’Italia. La tradizione si pensa abbia origine nella prima metà del XVII secolo. L’intero testo è tratto da un manoscritto del Seicento redatto da un noto prelato, Bartolomeo Morone, dopo che il lainese Domenico Longo si era recato a Gerusalemme con il proposito di studiare il teatro dei giorni della Passione di Gesù. Il suo desiderio era farne riproduzione a Laino ,alla scopo di perpetuarne i riti.

💡 Laino Borgo: dritte BeLocal

Gli sportivi più audaci  possono avventurarsi alla scoperta delle fantastiche gole del Lao, con discesa rafting della durata di 5 ore circa. Coloro non ancora pronti per questa lunga avventura possono scegliere di percorrere un breve tratto del fiume, sempre in gommone, ma dalla durate di 2 ore circa.

Si possono fare kayak, packraft, canyoning o anche una partita di paintball sulla riva del fiume Lao. Il torrentismo e il trekking sono “prerogativa” del fiume Iannello.

I diversi monti che circondano la valle offrono escursioni in ambienti incontaminati.

Per i più piccoli e non solo, a pochi chilometri dal centro storico, tra liane e passerelle sospese in aria e con percorsi di differenti difficoltà, c’è il “Parco Avventura”, situato tra alberi centenari.

La visita del centro storico, tra le viuzze tra loro intersecate, permette di ammirare i numerosi portali in pietra realizzati da artigiani locali.

🍝 Da provare a Laino Borgo

La cucina tradizionale lainese ha origini contadine. Nei diversi locali del posto si possono degustare primi piatti  fatti con prodotti genuini che vanno dai funghi ai fagioli (poverello bianco): lagani e fasuli, cavatieddi, rascatieddi conditi con sugo di caprettone.

I secondi sono prodotti con ottima carne ovina, bovina e suina allevata dai contadini di Laino, così come i salumi e i formaggi di produzione locale. Tra i piatti tipici citiamo “zafarani cruschi” (peperoni croccanti), “zafarani chini” (peperoni ripieni), “patani e zafarani” (patate e peperoni). Inoltre si può assaggiare, preparato in diversi modi, il famoso aglio del posto,  rinomato per le sue molteplici proprietà benefiche.

Non mancano i dolci tipici: bocconotti, sospiri, pesche, fritto di nocciole, “cannariculi” e “purciddati“.

🏡 Dove alloggiare a Laino Borgo

L’Hotel Chiar Di Luna offre un ristorante, una piscina stagionale all’aperto, un bar e un giardino. La struttura propone anche il karaoke e una reception aperta 24 ore su 24.

Il Palia’s Hotel dispone di un giardino, un salone comune e un bar. Questo hotel a 3 stelle offre la connessione Wi-Fi gratuita e tutte le camere sono dotate di terrazza.

Altra proposta per alloggiare a Laino Borgo è il B&B del Borgo, che offre sistemazioni con connessione WiFi gratuita, una TV a schermo piatto e un bagno privato con asciugacapelli, set di cortesia e bidet. Il B&B del Borgo serve una colazione all’italiana.

Chi desidera invece soggiornare nel verde della natura può optare per il campeggio sul fiume Lao, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino.

🚗Come raggiungere Laino Borgo

Laino Borgo  si trova a 2 km dall’uscita dell’A2 del Mediterraneo. Chi arriva da sud può scegliere anche l’uscita di Mormanno e raggiungere Laino Borgo percorrendo la strada provinciale.

Rispondi