Artena Borgo Brigante, una piccola città presepe

[local Martina Russo]

E se vi dicessero che alle porte di Roma immersa nelle montagne dei castelli c’è una piccola città presepe ?

Artena, in origine Montefortino, fa parte della catena montuosa dei Monti Lepini situata nell’alta valle del Fiume Sacco.

Artena prima di diventare la città del cardinale Scipione Borghese fu governata dalla famiglia Colonna, che a causa delle sua attività antipapali fece processare Montefortino e i suoi abitanti da diversi Papi. Paolo IV dichiarò gli abitanti fuori legge perché fedeli alla famiglia e procedette con il radere al suolo l’abitato ed a esercitare il rito dell’aratura e della semina del sale sulla città.

A causa dei debiti della famiglia Colonna, la Città venne venduta al cardinale Scipione Borghese nel 1614 , che non solo si impegnò alla ricostruzione ma anche alla rivalutazione del territorio. Molte delle opere da lui volute sono ancora presenti, ad esempio Piazza della Vittoria, L’Arco Borghese, La via del Borgo, La via Nuova ,Il Convento di San Francesco e L’asilo di San Marco.

Inoltre il Cardinale fece ristrutturare il palazzo della Famiglia Colonna che oggi porta il nome di Palazzo Borghese, si racconta che il Bernini dipinse dentro quel palazzo e che Scipione Borghese fu il mandante della costruzione del colonnato di San Pietro.

Il centro storico è ad oggi uno dei Borghi meglio conservati del Lazio , infatti i suoi vicoli e stradine che si intrecciano sono percorribili solo a piedi oppure con il Mulo che aiuta nel trasporto dei rifiuti , dei materiali da costruzione e dei beni di prima necessità. Passeggiando  si può notare facilmente che Artena somiglia più ad una fortezza che ad un centro abitato.

Dal Borgo basso alla Rocca posta in sommità si superano circa 150 m di dislivello caratteristica comune a pochissimi borghi nel mondo.

Quindi indossate scarpe comode perchè è una bella passeggiata in salita.

Artena si sviluppa anche sotto il centro storico infatti il paese e l’area metropolitana sono completamente diversi , ai piedi del borgo si espande una piccola cittadina sviluppatasi con il tempo  e grazie anche alla vicinanza con arie ampiamente industrializzate.

Mentre il borgo ci mostra ampiamente le costruzioni e la semplicità della vita di una volta.

📸 Da vedere a Artena Borgo Brigante

Si possono visitare molti posti ad Artena oltre il suo bellissimo Borgo , l’entrata del paese L’arco Borghese  volgarmente chiamata (Pallotte) è una terrazza sulla valle , ed è stata anche la location di una video di Gianna Nannini

Si può anche visitare il sito Archeologico situato nell’ex granaio dove ci si immerge nella storia e nella nascita del borgo. Negli anni sono stati rinvenuti reperti storici di civiltà antiche.

Un altro sito archeologico ma anche un belvedere è sicuramente Piano della Civita  dove sono stati rinvenuti i resti di un insediamento preromano .

Dalla sua altezza si può godere anche di un suggestivo panorama , arrivando a vedere tutte le piccole cittadine con artena confine e in lontananza il mare . 

Ma per chi ama visitare i siti religiosi ad artena se ne trovano diversi 

come la Chiesa di santa Croce ,  oppure quella del  Rosario .

Ad Artena si svolgono due manifestazioni storiche molto sentite dagli abitanti del posto .

Il principale evento è  la processione della Madonna delle Grazie che si svolge dal 1731 ogni anno il sabato prima che precede la 3 domenica di maggio, da circa 275 anni  neanche nel periodo della guerra si interruppe.

La Madonna delle Grazie  venne ritrovata nelle prossima di Artena si pensa che venne trafugata e poi abbandonata .

Nel 1678 venne incoronata perché ritenuta miracolosa . 

La particolarità di questa processione oltre la sua evidente antichità , sono i cristi infiorati , enormi crocifissi inghirlandati da petali e fiori  rappresentanti i temi più importanti della fede , che vengono portanti in spalle dalle diverse confraternite insieme al loro stendardo .

La processione parte dalla  chiesa di santa Maria  che è posta nella parte più alta del paese percorre tutto il borgo fino ad arrivare a valle dopo 4 ore di processione viene riposta nella chiesa di  Santa Croce  dove resta fino alla domenica successiva per poi tornare con un’altra processione  di nuovo nella chiesa di Santa Maria . La Madonna delle Grazie resta coperta fino al venerdì che precede la processione , che vede la partecipazione di cinquemila persone anche più  , scalze e con ceri sulle spalle. 

 Mentre un altro evento bello da vedere è sicuramente il Palio delle Contrade  che si svolge la prima settimana di agosto .

Questo Palio si caratterizza per la sfilata storica medievale che vede la presentazione delle contrade che gareggeranno all’interno dell’arena durante i sette giorni . I giochi medievali vedono la partecipazione di componenti di ogni età da bambini a nonni , infatti i giochi che sono stati scelti sono molto caratteristici ma non solo  rappresentano anche la storia di Artena . Questo Palio è molto sentito dagli abitanti del posto che si allenano stagioni intere per portare punti e così alla vittoria la propria contrada . 

💡 Artena Borgo Brigante: dritte BeLocal

Da vedere all’interno della villa borghese alla fine si arriva alla Prece  un’insenatura molto profonda dove si trova anche un piccolo punto di preghiera . Si racconta che chi tradiva la famiglia oppure non rispettava le leggi veniva lanciato giù nella Prece.

Se poi non siete pigri poco lontano dal centro di Artena verso Giulianello  , si trova un percorso Boschivo che porta al lago della torre oppure di giulianello ,è un cavità molto profonda e a forma ovale di cui ancora oggi non si conoscono le vere origini . 

🍝 Cosa provare ad Artena Borgo Brigante

Sicuramente un piatto tipico da provare sono i gnocchi lunghi tradizionali di Artena , questo piatto lo potete mangiare in molti ristoranti tipici all’interno del Borgo , ma anche durante la manifestazione del Palio , questo formato di pasta semplice è un prelibatezza con ogni tipo di sugo . 

Sicuramente in questi piccoli borghi troverete tante lavorazioni tipiche , pani , biscotti , vino, olio e miele.

Da provare c’è sicuramente un pub che si affaccia proprio su piazza della Vittoria è il  Mulo Brigante  questo piccolo e suggestivo pub , con birre artigianali e piatti tipici è un ottimo ristoro sia per chi sale che per chi scende .

Un altro ristorante molto rinomato è chiocchiò dove potrete mangiare piatti tipici e non solo .

🏠 Dove alloggiare ad Artena Borgo Brigante

In questi magici piccoli borghi i miglior posti dove alloggiare sono sicuramente i  B&B  situati nel centro storico , come  quello Dell’Artista  oppure il Rupe Antica.

 Ma se si vuole mangiare bene e riposare ma anche immergersi in un piccola spa , per poi uscire e trovarsi nelle montagne un posto che vi consiglio è sicuramente L’agriturismo rocca dei briganti .

🚗 Come arrivare ad Artena Borgo Brigante

Per arrivare facilmente dall’autostrada A1 uscita Valmontone , si prosegue verso Artena e si arriva nella valle poi salire nel Borgo non è difficile. Se invece amate fare le strade interne e così evitare il pedaggio  , ci si arriva facilmente sia da velletri che dalle zone circostanti come Colleferro.

Rispondi