Risotto all’Amarone

[food local Barbara Boni]

Il Risotto all’Amarone è uno dei piatti tipici della cucina veronese e viene preparato rigorosamente con ingredienti di eccellenza del territorio.

In primis occorre il riso, Riso Vialone Nano IGP delle risaie della bassa veronese: un riso semifino, con chicco di grossezza media, dalla forma tonda e semilunga.  Grazie alla sua tenuta in cottura ed alla capacità di assorbire i condimenti è perfetto per la preparazione dei risotti, in particolare quelli mantecati.

Poi l’Amarone DOCG, vino rosso corposo e profumato prodotto nella zona della Valpolicella sulle colline veronesi. Il lungo e lento processo di appassimento dell’uva nei fruttai ben ventilati che dura più di 100 giorni, durante il quale l’uva perde quasi metà del suo peso e gli zuccheri si concentrano, ne fanno un vino rosso strutturato, vellutato al palato e dai sentori di frutta passita.

Il segreto di questo risotto? Scaldare il vino prima di versarlo nella pentola con il riso, in questo modo il vino sprigiona tutti i suoi effluvi per un risotto ancora più profumato.

Parola di Gabriele Ferron, che di riso se ne intende.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di Riso Vialone Nano IGP
  • 1 lt di brodo di verdure e carne
  • 300 ml di Amarone DOCG
  • 1 cipolla rossa
  • 40 g di olio extravergine di oliva
  • 40 g di grana grattugiato
  • 1 noce di burro
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione:

Innanzitutto tritare la cipolla e farla soffriggere in un padellino con 20 g di olio extravergine di oliva e tenerla da parte.

In una casseruola, scaldare 20 g  di olio, aggiungere il riso e farlo tostare per qualche minuto. Ora versare l’Amarone precedentemente scaldato, in modo che rilasci tutti i suoi profumi,  e farlo sfumare a fiamma viva mescolando delicatamente.

Appena il vino sarà evaporato, versare quasi tutto il brodo bollente in una volta, aggiungere la cipolla appassita in precedenza, mescolare delicatamente, coprire e lasciar cuocere regolando la fiamma al minimo.

Arrivato a cottura il riso togliere la pentola dal fuoco, aggiungere un cucchiaio di brodo solo se necessario e mantecare con la noce di burro e il formaggio grana grattugiato. Far riposare un paio di minuti.

Impiattare battendo la mano sotto il piatto per distribuire meglio il riso. Servire subito decorando con una cialdina di parmigiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...