Turismo esperienziale: la chiave per esperienze autentiche

[articolo a cura di Genny Sancisi, laureata in Sviluppo Interculturale dei Sistemi Turistici]

Leggi il progetto per la tesi di laurea magistrale di Genny cliccando qui

Chi, come quest’anno, non sente il desiderio irrefrenabile di viaggiare?

La primavera è ormai alle porte e il 2021 pone lo sguardo su un modo alternativo di fare turismo che tenta di far emergere i nuovi valori delle vacanze di quest’anno: sostenibilità, senso di comunità e vivere esperienze.

🚣🏽‍♂️ Cos’è il turismo esperienziale?

Stiamo parlando del turismo esperienziale o immersion travel, sempre più ricercato dai viaggiatori, in quanto sentono il bisogno di allontanarsi dalla vita quotidiana di tutti i giorni. È un modo di viaggiare che si distacca da chi vive in grandi città, dove si è abituati a ritmi monotoni ed a un senso di affollamento. 

È per questo che il turismo esperienziale racchiude un approccio al viaggio del tutto differente dal classico turismo di massa, caratterizzato da eccessive ondate di flussi turistici.

L’obiettivo è quello di far vivere il luogo di vacanza al turista come se fosse parte integrante della comunità locale: è solo cosi che si è in grado di percepire sensazioni autentiche che rendono quella destinazione unica e diversa dalle altre.

L’esperienza deve essere fatta di emozioni, sensazioni e interazioni che devono coinvolgere appieno l’animo del turista. L’importante è garantire esperienze autentiche, ma come fare?

In questo caso entra in gioco lo storytelling, l’arte del saper raccontare: è fondamentale che un abitante del luogo riesca a comunicare le esperienze vissute, gli usi e costumi di quel luogo in modo da trasmettere le emozioni provate. Il racconto deve essere portatore di un messaggio efficace, in cui il viaggiatore deve saper immedesimarsi in determinati significati ed emozioni.

📚 Storytelling per la promozione turistica: due casi interessanti

A tal proposito, in Emilia-Romagna, è nato il progetto Emilia Storytellers, le Voci dell’Emilia (sito web: https://www.emiliastorytellers.com/), come strumento di marketing territoriale al fine di promuovere la cultura del cibo e del vino del territorio emiliano. È un’idea che si basa sul racconto di storie di chi è cresciuto e vuole far vivere quei luoghi tramite veri e propri itinerari enogastronomici.

Altra realtà da considerare è la proposta di due giovani ragazze di raccontare la città di Rimini, la sua storia e i suoi angoli più nascosti, utilizzando come mezzo di comunicazione la loro pagina Instagram Riministorytellers.

📷 Turismo esperienziale: il vero obbiettivo

Il turismo esperienziale è un turismo che si sta affermando negli ultimi tempi grazie anche alla promozione di itinerari incentrati sul comprendere la comunità in tutte le sue sfaccettature: cosa ci può essere di meglio che imparare la cucina locale e vivere esperienze di vita quotidiana?

Il turismo esperienziale è proprio questo, è tornare a casa con un ricordo indelebile e l’animo arricchito che inducono a ritornare proprio in quel luogo.

E la parola chiave è, senza dubbio, autenticità.

Rispondi