Murano, Burano e Torcello: i tesori della Laguna Veneziana

[Local marikamass]

Immerse nella Laguna di Venezia esistono isole, piccoli tesori custoditi e preservati dalla popolazione locale da visitare e ammirare in tutta la loro bellezza e particolarità ma soprattutto nel rispetto del territorio.

📸 Laguna di Venezia: da vedere

Murano: l’isola del vetro

Murano è l’isola dove si concentrano le fornaci per la lavorazione del vetro. Nel 1291, a seguito di alcuni incendi disastrosi, tutte le vetrerie di Venezia si spostarono infatti a Murano e da allora la lavorazione e la produzione di artefatti in vetro è diventata la peculiarità dell’isola.

Proprio per questo non si può non visitare il Museo del Vetro per capire la storia e le origini di questa tradizione. Tuttavia, la cosa in assoluto più interessante è entrare in una delle numerose vetrerie ed assistere ad una dimostrazione di come si lavora il vetro e si trasforma in meravigliosi oggetti. Le vetrerie sono tante e ognuna ha le sue regole di accesso.

Tra gli altri punti di interesse troviamo: 

  • Il faro di Murano
  • Il Palazzo da Mula, la sede del municipio con una facciata in stile gotico.
  • Il Duomo Santi Maria e Donato, il principale luogo di culto cattolico dell’isola. Originariamente dedicato a Maria, vi furono spostate le spoglie di San Donato e il nome venne di conseguenza modificato.
  • La chiesa di Santa Maria degli Angeli: fu un convento per le giovani monache delle famiglie facoltose di Venezia, tra cui una delle amanti del celebre Antonio Casanova. L’edificio fu poi sconsacrato e adibito a lazzaretto. Oggi è visitabile su appuntamento.
  • La chiesa di Santa Chiara: fu un convento agostiniano poi rilevato dalle suore di Santa Chiara da cui prende il nome. Oggi non è più un luogo sacro, bensì la sede di un’iniziativa culturale dove assistere a spettacolo musicali e teatrali inerenti alla lavorazione del vetro.

Burano: l’isola dei colori e dei merletti

Burano è sicuramente l’isola più singolare e vivace, unica nel suo genere. La si riconosce subito con la sua miriade di case colorate che ne sono diventate il simbolo. Erano le abitazioni tipiche dei pescatori che, per riconoscere la propria nelle giornate di nebbia, hanno deciso di dipingerle di vari e sgargianti colori. Intrufolatevi tra le calli e scopritele una per una!

L’isola è anche nota per l’antica lavorazione del merletto ad ago, una tradizione che da secoli si può osservare nelle numerose botteghe artigianali tra le calli di Burano.

I principali luoghi di interesse sono:

  • Piazza Galuppi, l’unica piazza dell’isola, e il pozzo in pietra d’Istria al centro della piazza
  • Il Museo del Merletto, un tempo sede della Scuola del Merletto e oggi sede del comune
  • La chiesa di San Martino Vescovo, la Cappella di Santa Barbara e il campanile storto (ma molto storto!).

Torcello: pochi abitanti, tante leggende

Torcello è l’isola più a nord della Laguna di Venezia in cui vivono appena una decina di abitanti.

Passeggiando a lato del canale principale si arriva subito al Ponte del Diavolo, uno dei due ponti ancor’oggi senza parapetti in tutta Venezia. Una delle leggende narra che sia stato il diavolo a costruire questo ponte in una sola notte. All’alba però è dovuto scappare senza riuscire a terminare l’opera e per questo il ponte è rimasto senza parapetti.

Continuando lungo il canale, si giunge alla piazzetta di Torcello dove è posto il Trono di Attila. Su questa piazza si affaccia la Chiesa di Santa Fosca che fa parte del più ampio complesso della Basilica di Santa Maria Assunta, la cui cripta e sacrestia sono rimaste inaccessibili per secoli.

💡 Murano, Burano e Torcello: dritte BeLocal

Ecco alcune dritte per voi, se decidete di fare una gita nella laguna veneziana!

A MURANO: la fondamenta dei vetrai è la via più tipica e caratteristica dell’isola, piena di botteghe in cui è possibile comprare opere e oggetti in vetro di Murano. Ma fate attenzione alle truffe: non tutti sono veramente Made in Murano! Se volete essere sicuri e trovare qualcosa di originale da portare a casa cercate il marchio registrato Vetro Artistico® Murano.

A BURANO: riservatevi l’ora del tramonto per godervi lo spettacolo e scattare qualche foto nella romantica are della Vecchia Pescheria o dei suggestivi Tre Ponti (un ponte in legno che collega tre canali e tre vie).

DAPPERTUTTO A VENEZIA E ISOLE: il consiglio più importante che possiamo darvi per vivere appieno questi luoghi unici è quello di perdervi. Letteralmente: perdetevi tra calli, ponti e canali. Non seguite alcuna mappa, fatevi guidare dall’istinto e scoprirete così i più piccoli segreti come un vero local.

🏘️ Dove alloggiare per visitare Murano, Burano e Torcello

Il nostro consiglio per ovvi motivi logistici è di non cercare un alloggio su una delle tre isole, bensì a Venezia centro storico che è meglio collegata alla terra ferma (Mestre), magari vicino ai punti di partenza dei vaporetti per Murano/Burano/Torcello, detti Fondamente Nove, o altrimenti vi consigliamo di cercare un alloggio non lontano dalla stazione di Venezia Santa Lucia.

🍝 Da provare a Murano, Burano e Torcello

Una dritta culinaria per quando vi trovate a Burano: i Bussolà, tipici biscotti a forma di ciambella (conosciuti anche come Buranelli) con burro e rosso d’uovo fatti per durare a lungo nel tempo. Si dice che venissero preparati dalle mogli dei pescatori che si allontanavano da casa per diverso tempo in cerca di pesce. Esiste anche una variante a forma di “s” chiamati appunto Esse di Burano.

Un consiglio su dove rifocillarvi a Torcello: consigliamo di mangiare alla Taverna Tipica Veneziana dove è possibile gustare piatti tradizionali come il risotto alla buranella, i bigoli in salsa, le sarde in saor o le seppie in tecia ma anche una semplice ma gustosa frittura di pesce. Il tutto servito con prodotti di qualità a km 0 e in piatti eco-friendly fatti di pane… da mangiarsi anche il piatto in tutti i sensi!

🚣🏽‍♂️ Come raggiungere Murano, Burano e Torcello

Si raggiunge questo gruppo di isole prendendo il vaporetto linea 12 da Fontamente Nove. È possibile arrivare fin qui partendo sia dalla stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia che da Piazzale Roma (terminal bus e tram) e prendendo il vaporetto 5.2 oppure percorrendo a piedi Strada Nuova.

Altrimenti, sempre dalla stazione o da Piazzale Roma, è possibile prendere anche il 4.2 che porta direttamente a Murano e poi da lì prendere il 12 per spostarsi sulle altre due isole.

Consigliamo di fare l’abbonamento giornaliero per il servizio di navigazione che costa circa 20€. È possibile farlo in quasi tutte le tabaccherie (e non solo nelle biglietterie dell’ACTV dove spesso c’è una lunga fila).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...