Pesaro e Urbino: dieci idee sostenibili per scoprire il territorio

(Guest Local @viaggiadori)

Cerchi idee per la tua vacanza nelle Marche in provincia di Pesaro e Urbino? Questo articolo fa al caso tuo! Siamo Filippo e Ornella, e raccontiamo le nostre esperienze di viaggio sostenibili e con un tocco green.

In questo articolo ti daremo alcune idee e suggerimenti per scoprire, come piace a noi, il nostro territorio: la provincia di Pesaro e Urbino.

Sei pronto a scoprire le dieci attività sostenibili e a km 0 tra città, borghi e natura che abbiamo selezionato per te? Iniziamo!

1. Percorrere la Bicipolitana di Pesaro

Pesaro si è meritata l’appellativo di Città della bicicletta grazie alla fitta rete di piste ciclabili che collega i principali quartieri della città.

Proprio come se ci si muovesse in metropolitana, si può salire in sella e pedalare lungo la linea gialla, verde o rossa della lunga Bicipolitana di Pesaro, fino a raggiungere la vicina città di Fano.

Inoltre in città è attivo il servizio di bike sharing e – da pochi mesi – sono disponibili i monopattini elettrici in sharing: scaricando le apposite app – Movi e Bird – si possono prelevare ed utilizzare entrambi in gran parte del territorio comunale.

Un ottimo modo per spostarsi durante la bella stagione, evitando lo stress del traffico cittadino e l’inquinamento!

Per tutte le info puoi visitare il sito del Comune di Pesaro.

2. Assistere ad un concerto di opera classica

Pesaro è anche città della musica, grazie ad un cittadino d’onore: il compositore Gioachino Rossini, nato a Pesaro alla fine del ‘700. A lui sono dedicati dedicati il Conservatorio ed il Teatro nel centro storico della città, dove è possibile visitare anche la sua casa trasformata in museo nel 1892.

Il Teatro Rossini ospita eventi durante tutto l’anno e, dal 1966, fa da cornice ad una delle manifestazioni di opera classica più importanti d’Italia, il Rossini Opera Festival.

Quale migliore occasione per assistere ad un concerto di opera classica? Un’esperienza
forse un po’ “sofisticata”, ma da provare almeno una volta nella vita!

3. Trascorrere una giornata al Parco Naturale San Bartolo

Nel territorio di Pesaro e Urbino c’è anche un panoramico polmone verde. Si tratta del Parco Naturale Regionale San Bartolo che sorge sull’omonimo monte, al confine con la Romagna e affacciato sul mare Adriatico.

Qui si possono svolgere tante attività all’insegna della natura e dello sport, tra cultura ed enogastronomia: per questo motivo non può che essere il nostro posto del cuore a Km 0.

Per conoscere tutte le attività a disposizione puoi visitare il sito del Parco Naturale San Bartolo. Se invece vuoi sapere come trascorrere una giornata perfetta sul San Bartolo dall’alba al tramonto, te lo raccontiamo qui!

4. Rivivere la Fano di duemila anni fa

Dalla città di Pesaro ci si può spostare nella vicina Fano per fare un viaggio indietro nel tempo.

Eravamo a cena nelle grotte di un ristorante nel centro storico quando abbiamo scoperto che sotto l’attuale città si nasconde un percorso fatto di vicoli, cunicoli e gallerie sotterranee. Si tratta della città di Fano di oltre duemila anni fa ed è possibile visitarla insieme ad una guida storico-artistica.

Per informazioni sulle visite guidate ci si può rivolgere all’Ente del Turismo della città.

5. Visitare un castello citato da Dante nella Divina Commedia

Dal mare ci spostiamo verso l’entroterra per raggiungere Gradara, uno dei borghi medievali meglio conservati d’Italia, che si è aggiudicato il titolo di Borgo dei borghi nel 2018. Tra le mura del paese si è consumato il tragico amore di Paolo e Francesca, narrato da Dante nell’Inferno della Divina Commedia.

Visitando il Castello di Gradara, che ancora oggi domina il borgo, si può ripercorrere la storia dei due giovani innamorati tra affreschi, arredi e dipinti dell’epoca. A chi non piacerebbe trascorrere qui una romantica giornata?

Visita il Portale Ufficiale di Gradara per avere info sulle visite e gli eventi che animano il borgo medievale durante l’anno.

6. Fare un tuffo nel Rinascimento a Urbino

Urbino è tra i centri più importanti del Rinascimento italiano. Qui, infatti, si può visitare la casa di uno dei principali esponenti del Rinascimento: il pittore ed architetto Raffaello Sanzio, vissuto tra il ‘400 ed il ‘500.

Proprio nel 2020 la città festeggia i 500 anni dalla sua scomparsa, con una serie di eventi e mostre dedicate al grande artista: un’ottima occasione per fare un tuffo nel Rinascimento tra le colline del Montefeltro.

Inoltre, la città di Raffaello ospita permanentemente la Galleria Nazionale delle Marche all’interno del suo imponente Palazzo Ducale, quindi vale sempre la pena visitarla, non solo quest’anno!

7. Attraversare le Marmitte dei Giganti

Una delle opere naturali più caratteristiche delle Marche si trova a Fossombrone, in provincia di Pesaro e Urbino. Si tratta delle Marmitte dei Giganti nella forra di S. Lazzaro: particolari depressioni
cilindriche lungo il letto del Metauro, causate dall’azione erosiva dei mulinelli di acqua.

Le formazioni rocciose di vedono perfettamente dal Ponte dei Saltelli, ma si può fare di più: un’escursione in kayak fino ad un punto del fiume in cui è possibile tuffarsi nelle piccole
marmitte. Qui ti raccontiamo la nostra divertente esperienza!

8. Conoscere le storie delle Mummie di Urbania

Un’esperienza per stomaci forti, ma davvero caratteristica.

Nel Comune di Urbania, all’interno della Chiesa dei Morti, sono custoditi diciotto corpi mummificati in modo naturale. Grazie ad una particolare muffa e alla tipologia del terreno i corpi dei defunti sono andati incontro ad essiccazione ed oggi si possono vedere perfettamente intatti, con pelle e organi interni.

Oltre a vederne i resti, scoprirai le storie delle mummie di Urbania ascoltando il racconto
del custode che ti guiderà nella visita al Cimitero delle Mummie.

Per informazioni e orari di apertura, visita il sito dell’Ufficio del Turismo di Urbania.

9. Ammirare la Gola del Furlo da una Terrazza panoramica

Un altro spettacolo della natura nel quale immergersi: la Gola del Furlo tra i monti Pietralata e Paganuccio.

Si tratta di un’area di particolare interesse naturalistico, storico e culturale che si può scoprire insieme alle Guide della Riserva, gratuitamente, durante i giorni festivi.

L’attività che consigliamo di fare al Furlo è un trekking lungo il sentiero escursionistico 449 fino alla Terrazza del Furlo, un punto panoramico davvero suggestivo.

Attenzione però: non è una passeggiata adatta a tutti e consigliamo di affrontare il trekking solo se adeguatamente attrezzati.

Per maggiori informazioni puoi visitare il sito della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo.

10. Assaporare il gusto della tradizione

Dopo tutti questi giri ci è venuta fame!

Per fortuna la provincia di Pesaro e Urbino è un territorio generoso dal punto di vista enogastronomico: sui monti San Bartolo e Ardizio sono presenti ettari di vigneti e ulivi e sulle colline dell’entroterra distese di campi di grano e frutteti.

Nella Valle del Foglia, ad esempio, si coltiva una varietà di pesca certificata dal marchio collettivo QM (Qualità Marche): la Pesca di Montelabbate.

Tre piatti della tradizione che non puoi proprio farti scappare prima di lasciare Pesaro e Urbino? La pizza Rossini al C’era una volta di Pesaro, la crescia di Urbino al Girarrosto e le tagliatelle con i fagioli a Novilara, alla Trattoria il Pergolato.

Insomma, in provincia di Pesaro e Urbino ci sono tante possibilità per scoprire il territorio in modo sostenibile!

Se le nostre 10 idee ti sono piaciute faccelo sapere condividendo il nostro articolo sui
tuoi canali social e raccontaci la tua esperienza in provincia di Pesaro e Urbino nei
commenti qui sotto.

Noi ti aspettiamo sul nostro blog Viaggiadori con tante altre esperienze sostenibili e con un
tocco green.

Seguici anche su Facebook e Instagram per non perderti le nostre avventure!

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. fravikings ha detto:

    Ottimo articolo, mi piace molto questo tipo di contenuto! Ciao da Francesco

    "Mi piace"

    1. belocalitalia ha detto:

      Grazie mille. E grazie ai Local @iviaggiadori per latricolo

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...